Pomeriggio Libero

Marina Ugolini

A Milano, se ti prendi un pomeriggio di pausa dopo una maratona di un mese per star dietro ai ritmi impossibili del tuo lavoro, ti metti i primi pantaloni che trovi, finalmente incurante del tuo aspetto e con il maglione pieno di pallini fai un salto in Rinascente per sputtanarti cinquecento euro in una borsa di gucci che ti permetterà di continuare ad 'esserci'.

Ecco che la commessa ti insegue come un segugio, facendoti sentire una ladra. Con quel maglione pallinato non puoi che essere una ladra. E invece l'unica cosa che ti succede oltre ad aver speso un terzo del tuo stipendio per una borsa di plastica che è costata 5 euro in qualche lontano paese a est di Milano e ne è costata qualcosa in più di spedizione, insomma oltre a questo è a te che fregano il telefonino appena comprato, altri 400 euro, dalla tasca del tuo maglione pallinato.


Eh sì perché i ladri sanno chi sei, sanno che non sei una di loro, ma solo una povera cogliona stanca, talmente stanca da non accorgerti che ti infilano la mano in tasca, mentre tu cerchi di sfuggire allo sguardo accusatorio della commessa segugio, mentre ti guardi allo specchio di sfuggita chiedendoti quale parte di te è così inadeguata da aver innescato il sospetto.

Il tuo pomeriggio libero ti è costato 900 euro e in più ti senti pure una sfigata, stronza, inadeguata, piccola provinciale con il maglione pallinato indegna di questa grande città.

Altro in questa categoria: « Un'Ora da Raccontare La Sfera »

Additional information