Quarto Chakra Radio

Visto da Andrea G. Pinketts

In "Quarto Chakra Radio l'antenna degli angeli" caduti Roberto Cajafa suda sette  camicie in un impietoso e nello stesso tempo affettuoso trattato teatrale su quelle che il bardo chiamava "Pene d'amore perdute".
Ma l'amore in realtà più che essere Shakasperiano è Kafkiano: ti addormenti dopo la copula a quello che credevi fose un essere umano e ti ritrovi accanto una scarafaggio.
Cajafa si moltiplica nei vari personaggi e nello stesso tempo si divide vivisezionandoli.
La radio come teatro è una sorta di paganesimo applicato  in cui i vitelli sono d'oro e le vacche sacre ma se c'è qualcosa di profano e di profanabile, questo è proprio l'amorer in cui la mistica ci rende a volte servizievoli, altre seviziatori.
Una inconteniibile vis comica al servizio di una tragedia quotidiana è l'asso nella manica di chi non vuole barare coi sentimenti. E quando gli angeli cadono dalle antenne finiscono su materassi ad acqua o giacigli da fachiro.

Andrea G. Pinketts

Additional information