Roberto Cajafa

Roberto Cajafa

RC -progetti per il teatro

Telefono - mobile 342.743.25.24

Per ricevere inviti agli eventi e presentazioni di teatro iscriviti alla newsletter!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Marina Ugolini

Lei ha 40 anni, è bella, quanto può esserlo una quarantenne, fa l'avvocato, ha l'aria decisa di chi ha imparato da Milano a perdere lentamente la propria innocenza.

Liz Carmignani

Luccicano negli occhi brillanti di polvere sollevata dai deserti, surriscaldata dall’equatore, il blu squarcia il cielo e lo sguardo prende il volo.

Cristina Vacchini

Arrivata lì davanti l’ho cercata, c’era solo un grande buco al posto suo, i rami degli alberi attorno avevano la sua forma e sottolineavano ancor di più la sua assenza, uno spazio vuoto a forma di sfera.

Marina Ugolini

A Milano, se ti prendi un pomeriggio di pausa dopo una maratona di un mese per star dietro ai ritmi impossibili del tuo lavoro, ti metti i primi pantaloni che trovi, finalmente incurante del tuo aspetto e con il maglione pieno di pallini fai un salto in Rinascente per sputtanarti cinquecento euro in una borsa di gucci che ti permetterà di continuare ad 'esserci'.

Gianni Arginelli

Arimortis!
Da bambini avevamo il potere di fermare il tempo. Anche per un’ora.

Di Liz Carmignani

Passeggiavo, assaporavo, come mai da tempo avevo più fatto, il pizzicore del freddo sul viso. Intorno la bruma di città.

Marina Ugolini
MILANO SI E' BEVUTA - post incontro Giovanni Colombo

Milano era una bella donna che con gli anni si è ingrossata, ha perso lentamente la sua bellezza ed è caduta scomposta sul pavimento della cucina, sporca e disordinata, sotto il peso intorpidente dei troppi cynar.

Marina Ugolini
Riflessioni post incontro Giovanni Colombo

Milano è adagiata sull'acqua come un fiore giapponese. Ha un cuore sinuoso, di morbida acqua.

Liz Carmignani

Non ripopolarti, ti prego, Milano! Resta così al mio ritorno, fermati ancora qualche giorno sorridente come in una foto ricordo, fermati e sorridi al caldo afoso d’Agosto.

Additional information